Our services

C.T.A. Psichiatrica Stagno

Stagno

La Casa di Cura Stagno, edificata negli anni ’30, porta il nome di Roberto Stagno, che la fondò in società di fatto con il cognato Dott. Antonino Maggiore Amari. Il programma di costruzione fu finalizzato a creare un ambiente che, nell’originaria branca monospecialistica neuro-psichiatrica, desse al malato ed ai suoi familiari la sensazione di trovarsi in un luogo accogliente e confortevole che lo distraesse dalle sofferenze e dai suoi dolori e che fugasse dalla sua mente ansie ed angosce.

Dopo qualche anno furono stipulate le convenzioni con le Province di Caltanissetta ed Enna per il ricovero di malati di tipo psichiatrico, essendo tali territori sprovvisti di ospedali psichiatrici provinciali. Alla scomparsa di Roberto Stagno subentrò il figlio Paolo, sempre in società con il Dott. Maggiore Amari, alla scomparsa del quale, nell’anno 1974, la società di fatto fu trasformata in ditta individuale a nome del Sig. Paolo Stagno sino all’anno 1980, data in cui si costituì la società “Casa di Cura Stagno S.r.l.”, nella quale oggi lo stesso Paolo Stagno mantiene la carica di Presidente del Consiglio di Amministrazione. Ha svolto attività in regime privato per malattie di tipo neuropsichiatrico fino al 12/12/1979 ed il 18/12/1979 si è convenzionata con il Sistema Sanitario Nazionale per 46 posti letto di neurologia successivamente modificata in neuropsichiatria con D.A. n° 24840 del 18/03/1998, infine dal 24/04/2010 con DDG 0896/10 è stata effettuata una rimodulazione dei 46 posti letto per acuti, autorizzati e già accreditati, in altrettanti di lungodegenza post-acuti area medica. Il potenziamento della struttura ha inoltre permesso di ottenere da parte dell’Assessorato Regionale alla Sanità l’autorizzazione ad ampliare la convenzione in 40 posti letto per la Comunità Terapeutica Assistita con delibera n° 7134 del 29/11/2001.I reparti ed i servizi di diagnosi e cura, dislocati su 2 piani, sono dotati di sofisticate attrezzature in grado di soddisfare ogni primaria necessità terapeutica riabilitativa.

La Casa di Cura ha progettato e realizzato per “guidare e tenere sotto controllo l’organizzazione”, un Sistema di Gestione per la Qualità Certificato con L’Ente di Certificazione Certiquality con n. 8115 del 21 settembre 2005 e ha ottenuto l’Accreditamento Istituzionale definitivo da parte dell’Assessorato alla Sanità della Regione Siciliana.

Servizi

Accettazione

L’accesso all’Unità Operativa di Lungodegenza Post Acuti avviene esclusivamente per dimissione da Unità Operative per acuti degli Ospedali Pubblici e/o privati e il ricovero è in regime di convenzione con il SSN. La richiesta di ricovero deve essere effettuata dal medico del reparto per acuti che trasferisce il paziente e deve riportare le motivazioni che indicano il ricovero in lungodegenza. La richiesta deve essere successivamente validata dal responsabile dell’U.O. di lungodegenza post acuzie. Gli accessi verranno regolati sulla base di liste d’attesa predisposte
dall’ufficio accettazione seguendo le prenotazioni ricevute in ordine cronologico; l’accettazione di un ricovero avviene di norma nelle ore del mattino, previa presentazione della richiesta di ricovero, di un documento di identità e del codice fiscale; contestualmente l’utente viene informato sul trattamento dei dati personali, secondo la D.lg 196/2003 sulla privacy, e sottoscrive il relativo documento di “consenso informato”.

Per i ricoveri e per l’utilizzazione di tutti i servizi che si rendono necessari durante la degenza non è dovuto il pagamento di alcuna somma. I medici di reparto informano quotidianamente il servizio di accettazione sui posti letto resisi disponibili a seguito di dimissioni di ricoverati; il medico direttamente o per mezzo dell’addetto all’accettazione provvede ad informare gli ospedali e/o
le cliniche, seguendo rigorosamente l’ordine cronologico di prenotazione.

Comunità Terapeutica Assistita (CTA)

La CTA, convenzionata con l’ASP di Palermo, è una struttura residenziale ad indirizzo riabilitativo per i soggetti affetti da patologie di competenza psichiatrica. Ospita n° 40 utenti di entrambi i sessi. L’inserimento nella CTA avviene su proposta del Modulo Dipartimentale competente per territorio; quest’ultimo infatti, tenendo conto che prende preliminarmente in carico il soggetto, elabora il programma terapeutico personalizzato che viene sottoposto all’autorizzazione da parte del Responsabile F.F. Dipartimento Salute Mentale e viene poi attuato durante la permanenza alla CTA.

Il percorso terapeutico-riabilitativo ha una durata variabile, abitualmente non supera i 24 mesi. Qualora se ne dovesse presentare la necessità, in relazione ai risultati conseguiti, è possibile, sempre tramite il Dipartimento di Salute Mentale, proseguire il trattamento per un ulteriore periodo non superiore a 6 mesi.

Obiettivi previsti

  1. Favorire in generale lo sviluppo delle potenzialità insite in ciascun paziente, in particolare:
    1. Potenziare le capacità cognitive
    2. Migliorare la sfera relazionale-comportamentale al fine di favorire quanto più possibile l’integrazione sociale
    3. Migliorare il grado di autonomia personale
    4. Aumentare il livello di attività finalizzate
    5. Migliorare la gestione e l’elaborazione dell’emotività
  2. migliorare le relazioni intrafamiliari: l’intervento psicoeducativo sulle famiglie è infatti finalizzato ad aiutare i familiari ad affrontare le problematiche nell’ottica di ridurre le conflittualità e l’emotività espressa e favorire, ove possibile, un reinserimento in famiglia.
  3. integrazione nel tessuto sociale con particolare attenzione all’inserimento (o reinserimento) lavorativo.

Interventi e attività

  • Attività di autogestione: cura di sé e del proprio spazio e di quello condiviso nella comunità (con attività di giardinaggio), utilizzo del denaro;
  • Attività di gruppo:
    • gruppo terapeutico di lettura
    • gruppo terapeutico di verbalizzazione
    • gruppo di alfabetizzazione
    • gruppo di palestra
  • Attività espressive:
    • laboratorio di espressione teatrale
    • redazione giornalino (scrittura, fotografia, informatica)
    • laboratorio di arti grafico-pittoriche
  • Interventi Psicoterapici: individuale e in assetto gruppale tramite danzamovimentoterapia e musicoterapia
  • Attività di socializzazione e di rapporto con il territorio: gite, vacanze estive, itinerari turistico-monumentali, attività ricreative, incontri sportivi, feste, giochi di società
  • Gruppi di incontro con i familiari (con valenza di sostegno)
  • Attività di formazione professionale ed inserimento lavorativo (corsi di orientamento e/o professionale in collaborazione con enti di formazione professionale).

Servizi di cucina

La casa di cura dispone di una propria con gestione esterna, provvista di autorizzazione sanitaria per il suo esercizio, che provvede alla preparazione dei pasti per i degenti.

Il Responsabile Servizio Ospitalità che con l’ausilio del Capo Sala provvede alla personalizzazione dei pasti ed al controllo del rispetto delle norme e della qualità dei pasti.

I pasti sono serviti:
■ dalle ore 8,00 alle 9,00 la prima colazione
■ dalle ore 12,00 alle 12,30 il pranzo
■ dalle ore 18,00 alle 18,30 la cena
L’igiene degli alimenti, degli ambienti e del Personale di cucina è garantita dal rispetto delle prescrizioni stabilite con il Decreto legislativo n. 193 del 6.11.2007, attuazione del regolamenti CE 852/2004 e della Direttiva 2004/41/CE, in relazione alle quali la casa di cura si è dotata di un “Manuale per l’autocontrollo dell’igiene” basato sull’applicazione della metodologia HACCP (Hazard analysis and critical control points).

Servizi religiosi

L’assistenza religiosa è curata dal Parroco con regolari visite ai pazienti e celebrazione della Santa Messa settimanalmente; anche le situazioni urgenti godono della piena disponibilità del Sacerdote.

La Casa di cura dispone, inoltre, di una Cappella accessibile a pazienti e visitatori.

 

Prenota